Come appendere Foto e Poster alle pareti? 4 consigli utili | [WEANDART]
Stampe

Come appendere Foto e Poster alle pareti? 4 consigli utili.

Ho deciso di scrivere questo articolo perché mi sono reso conto che spesso, le cose che sembrano semplici da fare, in realtà cosi semplici non sono.

Ti è mai capitato di dover posizionare dei quadri, delle foto, dei poster o delle illustrazioni che hai acquistato con amore all’ultimo mercatino visitato e non sapere da dove iniziare per posizionarle sulla parete? 

Anche a te è venuto il blocco da parete bianca? 

Allora siamo in due! (secondo me anche di più….)

Adesso starai dicendo. Esagerato! Che ci vorrai mai a mettere un paio di quadri attaccati al muro.

Steve Jobs non la pensava come te. 
Nella sua casa di Cupertino, ad esempio, non aveva nessun mobile, perché era talmente ossessionato dai dettagli, che non si decideva mai a comprare i mobili per arredarla.

Credimi non è semplice come sembra.

Nonostante abbia un occhio allenato e trascorsi da progettista ed allestitore di spazi temporanei, anche io, quando mi trovo a progettare il design di una  parete vuota,  non so mai da che parte iniziare. 

Ripensandoci bene, la difficoltà non è scegliere il posizionamento delle stampe.
La cosa che ci rende confusi ed indecisi sono le infinite possibili varianti realizzative.
Ed è psicologicamente provato che più scelta abbiamo e più finiamo per bloccarci e non scegliere o fare nulla.

A spiegarcelo ci ha pensato lo psicologo americano Barry Schwartz, che nel 2004 ha pubblicato il famoso ‘The Paradox of Choice‘: da quella pubblicazione in poi, si è iniziato a pensare seriamente – anche a livello psicologico – che l’ampiezza della scelta tipica della società capitalistica al suo massimo apice non è esattamente il trionfo della libertà che si sarebbe potuto pensare… anzi, quella sconfinata possibilità di scelta sotto forma di varianti dello stesso prodotto – più grande, più piccolo, più colorato, più costoso, più economico, con più memoria, con meno sale, ecologico, firmato, etc – finisce quasi per bloccarci. (se sei appassionato di marketing, come me, ti consiglio di leggerlo).

Adesso che sai di non essere il solo che si frizza davanti alle pareti bianche, posso darti dei  consigli utili su come  arredare e rendere felici le tue pareti.

Come appendere foto alle pareti: Da dove inizio?

Ricordati che non esistono schemi fissi,  ma Best Practice da seguire.

Inizia a progettare le tue composizioni da questi 4 punti fondamentali.

  • 1 – Valuta le dimensioni della parete per capire come suddividerla.
  • 2 – Scegli il numero di stampe o di foto che vuoi applicare alla parete.
  • 3 – Scegli il taglio stilistico che vuoi dare alla composizione.
    Puoi utilizzare una serie di foto o delle illustrazioni, l’ importante è che siano omogenee tra di loro ed abbiano un filo conduttore. (viste in bianco e nero, paesaggi, ritratti, lettering, dettagli.)
  • 4 – Scegli le cornici.
    Puoi utilizzare cornici di diverse misure e stili mixandole tra di loro, in questo modo andrai a creare una parete di forte impatto.
    Se vuoi rimanere più minimal, opta per cornici tutte uguali che renderanno coerente ed uniforme la parete. 

Partendo da questi 4 punti,  potrai pianificare nel migliore dei modi l’outfit delle tue pareti. 

Ci sarebbero moltissime cose ancora da dire, ma non voglio darti troppe nozioni. 
Ti farebbero aumentare i dubbi e ti  bloccheresti per sempre. 

Risultato?  

Le tue pareti rimarrebbero inevitabilmente vuote e tristi! E questo non lo vogliamo giusto?

Ok allora tieni a mente quello che ti ho spiegato e guarda le composizioni che ho realizzato per arredare la parete dietro ad un divano e lo spazio sopra ad una consolle.

 

Allestimento di parete dietro al divano con illustrazioni di SURF

La parete che ho arredato ha una dimensione utile di 200cm di base per 150cm di altezza. 

Ho pensato d’ inserire nello spazio disponibile, una stampa di grandi dimensioni 50x70cm e di suddividere lo spazio restante con altre quattro stampe.
Due di dimensioni 21x30cm e due di dimensioni 30x40cm.

Ho allineato la stampa grande con le due di dimensioni medie, dopo averle specchiate. 
Ho poi inserito, sopra alle stampe medie, le due più piccole allineandole tutte a sinistra. 

In questo modo sono riuscito a creare movimento senza rinunciare alle simmetrie, che da buon designer amo alla follia.

Le cornici le ho pensate molto minimali, nere e con passe-partout bianco, per dare più “respiro” alle illustrazioni e far risaltare i colori.

La scelta stilistica dei soggetti, tutte illustrazioni di surf realizzate da Mark Iomal, intitolate Epic Days, è stata valutata insieme ai padroni di casa Dario e Lucrezia. 
Una coppia amante del surf e della Vanlife che ha chiesto la realizzazione di un luogo accogliente ed informale, che gli ricordasse la loro grande passione: Il SURF.

Qui sotto puoi vedere il risultato finale. 

Allestimento sopra consolle con 4 fotografie tema Fuerteventura

Situazione compositiva molto simile alla precedente per il secondo esempio che ho ipotizzato.
La spazio utile questa volta è di 150cm di base per 120cm di altezza. 

Ho pensato d’ inserire nello spazio disponibile, una stampa grande di dimensioni 30x40cm e suddividere lo spazio restante con quattro stampe.
Due di dimensioni 21x30cm e due di dimensioni 13x18cm.

Ho allineato e mantenuto le simmetrie tra le quattro fotografie più piccole ed ho centrato la fotografia più grande nello spazio vuoto creato dalle stesse.

Come la precedente ipotesi, sono riuscito a dare movimento senza rinunciare alle mie amate simmetrie.

Per questa composizione ho scelto delle fotografie realizzate da Andrea Rubbo
Immagini realizzate con drone e macchina fotografica digitale.
Filo conduttore:
 gli incredibili colori di Fuerteventura. Isola situata nell’oceano Atlantico, facente parte delle Isole Canarie.

Qui sotto puoi vedere l’effetto finale.

Come provare la composizione prima di appenderla alla parete?

Un modo utile per capire se la parete progettata è di tuo gradimento, è realizzare delle simulazioni grafiche come quelle prodotte per illustrare questo articolo.

In questo caso devi saper “masticare” dei programmi di grafica come Photoshop o Illustrator. 
Non sai dove mettere le mani?

In questo caso puoi contattarmi per farti aiutare, oppure puoi utilizzare la metodologia illustrata nell’immagine che trovi qui sotto.

 

In cosa consiste la tecnica? 

Consiste nel realizzare, una volta decise le dimensioni delle cornici e delle stampe che hai progettato per la tua parete, delle sagome di carta o cartoncino e posizionarle con del nastro adesivo sulla parete che vuoi allestire.

In questo modo potrai utilizzare la parete come fosse lo schermo di un monitor, per comporre, modificare e visualizzare la composizione, fino a quando non sarà di tuo gradimento. 

Tutto questo senza dover trivellare di fori e chiodi la tua parete. 

Rimani aggiornato

Come anticipato, l’argomento è molto vasto e quindi impossibile da spiegare in un unico articolo. 

Per questo motivo ho intenzione di realizzare altri post con nuove composizioni e consigli. 
Per rimanere sempre aggiornato/a e ricevere i miei aggiornamenti, ricordati di iscriverti alla mia  newsletter.

Trovi il form per l’iscrizione in alto a destra o spuntando la casella “Tienimi aggiornato” nel box dei commenti alla fine dell’articolo. 

Prodotti Consigliati

Poster e Decorazioni

Cliccando sul tasto qui sotto potrai trovare, direttamente online, altri prodotti che ho selezionato e che starebbero molto bene sulle tue pareti bianche!

Se l’articolo ti ha reso felice condividilo con la tu cerchia di amici, ti ringrazieranno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *